Pagine

mercoledì 11 luglio 2018

Diario di una futura sposa con tutto sotto controllo (forse) #WeddingDay

La sveglia suona alle 6:00. Tiro su la tapparella ma so già lo spettacolo che mi aspetta. Tuoni tutta la notte. Piove e causa nebbia non si vede l'altro lato della strada. Accorrono mia sorella e mia mamma, ancora scossa dal poco sonno "sono già le 6?". Scoppiamo a ridere.
Ma cosa può fare una povera sposa con in arrivo 250 invitati e i tavoli apparecchiati nella terrazza della villa quando il temporale si abbatte il 16 giugno in Sicilia? Ridere.

La colazione a casa della Sposa

mercoledì 13 giugno 2018

Diario di una futura sposa con tutto sotto controllo (forse) #8

Il tempo. Il peggior nemico di una sposa, dopo il brufolo nel centro della fronte, è il tempo. E ciò vale nella doppia accezione del termine: il tempo in quanto ore, minuti e secondi che nella weeding week scorrono più veloci del solito e tu ti trasformi del Bianconiglio di Alice "è tardi, è tardi, è tardi!"; sia nell'accezione di tempo meteorologico.

Il clima è una delle poche cose sulle quali nemmeno il Bride Power può intervenire. Perché il fioraio che quando dici "bouquet spettinato" capisce "a cascata" lo hai scelto tu; la tipografia che non riesce nemmeno a fare copia e incolla dal word che gli hai inviato l'hai scelta tu; gli invitati che a tre giorni dal matrimonio ti dicono non veniamo li hai scelti tu; il parrucchiere che ti tinge di nero corvino per errore lo hai scelto tu...ma il clima... Quello non dipende da te. E guardare in modo compulsivo il meteo su 5/6 siti differenti non risolve. Soprattutto se come me vivi sullo Stretto di Messina dove il clima è soggetto a correnti che vanno ben al di là del fiato delle tue preghiere.

martedì 5 giugno 2018

Diario di una futura sposa con tutto sotto controllo (forse) #7

E poi quanto sei nel bel mezzo di una crisi di nervi, piena di brufoli, tesa per il lavoro, il matrimonio e le scadenze arrivano Loro, le Amiche della sposa, e ti fanno dimenticare tutto in un giorno durato una vita.

Oggi (o forse era 20 anni fa quando avevo 8 anni) ho visitato Londra di notte dall'alto volando a bordo di un battello magico, poi mi sono persa in un labirinto e ho rischiato di farmi tagliare la testa. A metà mattinata sono stata a Camelot e ho fatto un giro su un cavallo vestito d'oro, poi ho fatto un viaggio nel futuro e ho affrontato una battaglia stellare mano nella mano con mia sorella. Dopo pranzo ho visitato le grotte dei pirati, ho ballato con delle principesse e ho visto altri pirati saltare da una parte all'altra del mare senza bagnarsi. Ho visitato un castello tutto rosa, ho visto un drago sputare fumo e mi sono riparata dalla neve che scendeva su Parigi in pieno maggio. Come se non bastasse ho incontrato uno stregone cattivo ma mi ha sorriso, ho visto un coniglio che andava di fretta e una sirenetta trasformarsi in principessa...Il tutto indossando un tutù rigorosamente rosa e una corona magica. Magica come Voi.

Disneyland Paris - 26 maggio 2018


Hanno contribuito alla riuscita dell'addio al nubilato più bello della storia: la dottoressa Antonellina, la bella topona Daniela, la temeraria e avventuriera Flavia, l'organizzatrice Franca, la italianissima-be-positive Robi e la mamma stylist Fortuna. Ma anche qualcun'altra da lontano...vi amo.




lunedì 28 maggio 2018

Diario di una futura sposa con tutto sotto controllo (forse) #6

- Ti amo tantissimo.
- Ma tantissimo quanto?
- Quanto tutte le volte che sono andata a parlare con il fioraio; quanto tutte le mail mandate ai fornitori; quanto tutte le file fatte per documenti, pubblicazioni e chiacchiere con il prete; 
Ti amo tanto quanto tutti i vestiti da sposa che ho provato prima di trovare quello giusto prendendo il raffreddore in atelier; quanto le volte che sono andata sola al corso prematrimoniale; quanto il dolore alla mano dopo aver scritto 150 inviti; quanto il numero di excel creati per tenere il conto del budget, degli invitati, dei tavoli; 
Ti amo quanto tutte le volte che ho fatto e disfatto quei tavoli per non lasciare nessuno scontento; quanto il numero di giri fatti per trovare le ciabattine da sposa, le coccarde per le auto, le penne per il libro firme; quanto le volte che ho urlato in tipografia o sono scoppiata a piangere per la tensione;
Ti amo quanto il numero di siti che ho navigato per trovare delle scarpe 41; quanto tutti i fiocchetti che ho fatto ai ventagli per la chiesa; quanto tutti i minuti passati al telefono con gli invitati per avere conferme;
Ti amo quanto tutte le ore spese a organizzare e pianificare il nostro giorno perché voglio che sia tutto perfetto. Ma in realtà ti amo proprio perché a te non importa nulla della perfezione e infatti hai scelto me.

E poi rifletto e penso: non può essere tutto più caoticamente perfetto di così...

sabato 19 maggio 2018

Diario di una futura sposa con tutto sotto controllo (forse) #5

Le future spose non dovrebbero avere il ciclo. Dovrebbe esistere una legge di natura che nel momento esatto in cui si risponde "Sì" alla proposta di matrimonio blocchi le mestruazioni fino alla fine del viaggio di nozze. Ok, forse così è troppo, fino alla fine del ricevimento va bene.

Posso sopportare tutto: il fioraio che perde gli appunti e a meno di un mese dal giorno del matrimonio mi chiede che colori e che fiori avevo scelto; le docce solari per non fare la sposa cadavere, che altro non sono che 15 lunghissimi minuti di caldo ad occhi chiusi nudi chiusi in un tubo; la gente che mi stressa per sapere con chi li ho seduti al tavolo e, ovviamente, lamentarsene; quelli che "busta? no preferisco farti un regalo che ti rimane"; la nonna che si lamenta perché lo sposo (il poliziotto, come lo chiama lei) non si mette il tight. Tutto. Ma il ciclo no.

mercoledì 9 maggio 2018

Diario di una futura sposa con tutto sotto controllo (forse) #4

E poi quando vai a fare la prova del vestito tutto è incredibilmente perfetto! Cade bene, non ci sono troppe modifiche da fare...anzi quasi quasi è un po' strettino (ma le spose non dovevano dimagrire?). Le scarpe ci stanno bene, la sarta ti prende l'orlo e inizi a provare il velo. Perfetto anche quello. Un sogno.